Questo articolo è stato letto 62 volte.

COME VENDERE CASA RICEVUTA IN DONAZIONE

VENDERE CASA RICEVUTA IN DONAZIONE
Come vendere casa ricevuta in donazione? 

La vendita di un immobile ricevuto in donazione può avvenire anche nel caso in cui il donante sia ancora in vita. Tuttavia, prima di procedere, è consigliabile ottenere una dichiarazione scritta dal donante in cui egli rinuncia a qualsiasi contestazione futura. Inoltre, è opportuno ottenere una dichiarazione firmata dagli altri potenziali eredi, nella quale essi rinunciano ad azioni legali che potrebbero influenzare la vendita dell’immobile donato.

Le donazioni immobiliari sono comuni all’interno delle famiglie e sono formalizzate davanti a un notaio per garantire la loro validità legale.

In alcuni casi, le donazioni sono fatte per proteggere l’immobile da possibili richieste dei creditori, modificando il titolare di proprietà. Altre volte, invece, la donazione è finalizzata a soddisfare le esigenze abitative o finanziarie di un familiare, o a facilitare la divisione del patrimonio al fine di evitare conflitti tra gli eredi dopo la morte del donante.

Ma è possibile vendere una casa ricevuta in donazione? E in particolare, è lecito vendere un immobile donato quando il donante è ancora in vita?

Tempistica per la vendita di una casa ricevuta in donazione

Iniziamo col comprendere quanto tempo deve trascorrere prima di poter vendere un immobile ricevuto in donazione.

Il proprietario di un bene, sia esso mobile o immobile, ha il diritto di disporne come desidera, e questo vale anche per i beni ottenuti tramite donazione. Pertanto, chi riceve in donazione una casa ha il diritto di venderla.

Ciò significa che la vendita di una casa donata può avvenire immediatamente.
È possibile vendere immediatamente un immobile donato, anche se il donante è ancora in vita. Tuttavia, è importante prendere delle precauzioni. La vendita di un immobile donato, in particolare quando il donante è ancora in vita, richiede una maggiore attenzione rispetto a questioni fiscali ed ereditarie che potrebbero sorgere dopo la morte del donante.

VUOI VENDERE CASA?

I nostri agenti sono al tuo fianco durante tutto il processo di vendita.
Vendita di un immobile donato con donante in vita: questioni ereditarie

Le principali questioni legate alla vendita di un immobile donato quando il donante è ancora in vita riguardano gli aspetti ereditari, ovvero eventuali contestazioni da parte degli eredi del donante.

Gli eredi non possono contestare la donazione durante la vita del donante, ma potrebbero farlo in sede testamentaria se ritengono di non aver ricevuto la quota minima di eredità, conosciuta come “quota di legittima”. Se questa quota viene violata, gli eredi possono intraprendere un’azione legale per “ridurre” l’atto di donazione dell’immobile.

La durata del vincolo della donazione è importante. Gli eredi possono intraprendere azioni legali entro dieci anni dall’apertura della successione e entro vent’anni dalla registrazione della donazione.

Vendere un immobile proveniente da donazione quando il donante è ancora in vita comporta quindi tempi più lunghi a causa di possibili azioni legali degli eredi. Questo potrebbe scoraggiare potenziali acquirenti. Inoltre, le banche sono riluttanti a finanziare l’acquisto di immobili donati, rendendo difficile ottenere un mutuo se il donante è ancora in vita.

Come vendere un immobile donato con donante in vita

Per aumentare le probabilità di successo nella vendita di un immobile donato con donante in vita, è consigliabile verificare se ci sono eredi che potrebbero avere diritto a una quota dell’immobile e ottenere da loro una rinuncia formale a qualsiasi azione legale che possa interferire con la vendita.

È anche consigliabile ottenere una dichiarazione scritta dal donante ancora in vita, in cui egli dichiara la sua intenzione di rinunciare a qualsiasi contestazione futura.

Inoltre, potrebbe essere utile per il venditore stipulare un’assicurazione che protegga l’acquirente da eventuali contestazioni legali future.

Con queste precauzioni, è possibile vendere immediatamente un immobile donato, anche se non sono trascorsi vent’anni dalla registrazione della donazione e il donante è ancora in vita.

Con i nostri piani ti garantiamo tutti i servizi della vendita immobiliare professionale con un piccolo canone mensile, facendo risparmiare migliaia di euro e rendendo i nostri clienti interlocutori diretti, senza pagare alcuna provvigione.

Tre piani, tanti strumenti utili alla vendita, tutto ad un prezzo mensile fisso in abbonamento.
Nessuna commissione, nessun costo in più.
Più servizi si aggiungono, più diventa semplice vendere casa.

Per scoprire di più, leggi l’articolo “Immovare.it – un nuovo modo di vendere casa”.

VUOI VENDERE CASA?

I nostri agenti sono al tuo fianco durante tutto il processo di vendita.

Compare listings

Confrontare