Questo articolo è stato letto 413 volte.

LEGGE DI BILANCIO 2024: VIA ALL’APPROVAZIONE

Legge di bilancio 2024

Il 29 dicembre 2023 è stata approvata definitivamente dal Parlamento la Legge di Bilancio 2024.
Con 200 voti favorevoli, 112 contrari e 3 astenuti la Manovra che vede importanti novità in fatto di mutui e agevolazioni è legge.
Il testo definitivo disponibile in Pdf, pubblicato in Gazzetta ufficiale, ha portato importanti novità circa il settore immobiliare, dai mutui all’Imu, dal Supebonus agli affitti brevi.

In questo articolo, analizzeremo la questione Mutui e le modifiche effettuate nel testo provvisorio.

Saranno 282 i milioni di euro destinati al Fondo di Garanzia per la prima casa e dovranno essere in grado di supportare l’acquisto della casa di abitazione da parte di famiglie numerose e che dovranno rispettare alcuni criteri:

  1. nuclei familiari che includono tre figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 40mila euro annui;
  2. nuclei familiari che includono quattro figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 45mila euro annui;
  3. nuclei familiari che includono cinque o più figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 50mila euro annui.

Per le domande di finanziamento con limite di finanziabilità, inteso come rapporto tra l’importo del finanziamento ed il prezzo d’acquisto dell’immobile, comprensivo degli oneri accessori, superiore all’80%, presentate a decorrere dal trentesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge e fino al 31 dicembre 2024, la garanzia del Fondo per la prima casa è rilasciata, rispettivamente, nella misura massima dell’80% della quota capitale, tempo per tempo in essere sui finanziamenti concessi, nel caso del primo tipo di nucleo, dell’85% della quota capitale nel caso del secondo tipo di nucleo e del 90% della quota capitale nel caso del terzo tipo di nucleo.

VUOI VENDERE CASA?

I nostri agenti sono al tuo fianco durante tutto il processo di vendita.

Inoltre, la Legge di Bilancio dispone che, per l’anno 2024, per tutte le categorie aventi priorità per l’accesso al credito, la garanzia del Fondo di garanzia rimane operativa anche nelle ipotesi di surroga del mutuo originariamente acceso per l’acquisto della prima casa, nel caso in cui le condizioni economiche rimangano sostanzialmente invariate o siano migliorative di quelle originarie e comunque, non abbiano impatti negativi sull’equilibrio economico-finanziario del Fondo medesimo.

Ma che cosa succede invece agli under 36 per cui erano previste numerose agevolazioni?
(Leggi: “Legge finanziaria 2024: stanziamento mutui prima casa”)
Per loro era stato preventivamente disposto che, se avessero avuto un valore dell’Isee (indicatore della situazione economica equivalente) non superiore a 40mila euro annui, il Decreto Sostegni bis aveva previsto l’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale.

Dal 1° gennaio 2024, invece, i giovani under 36 non potranno più beneficiare dell’esenzione:

  • dalle imposte di registro, ipotecarie e catastali;
  • del credito di imposta IVA;
  • dell’esenzione dall’imposta sostitutiva sui mutui per l’acquisto della prima casa.

La Legge di Bilancio 2024 mantiene la proroga della garanzia statale dell’80% sui mutui contratti per l’acquisto della prima casa, ma non estende le altre agevolazioni fiscali precedentemente in vigore.
Dal 2024, si torneranno ad applicare le agevolazioni standard per l’acquisto della prima casache non tengono conto dell’età dell’acquirente o del valore ISEE.

 

VUOI VENDERE CASA?

I nostri agenti sono al tuo fianco durante tutto il processo di vendita.

Compare listings

Confrontare